Nome

In tedesco i sostantivi possono appartenere a tre diversi generi: oltre al maschile e al femminile abbiamo il genere neutro. Purtroppo non esistono regole per decidere il genere dei sostantivi; tuttavia vi sono alcune regole pratiche. Attenzione! I sostantivi possono essere di genere diverso di quello che sono in italiano.

I sostantivi che indicano persone o animali di sesso maschile, le stagioni, i mesi e i giorni, i minerali e i sostantivi che terminano in ast, är, ant, el, er, ent, ig, ier, ling, or, s in genere sono maschili.
Es.:
Der Computer. – Il computer.
Der Honig. – Il miele.
Der Vater. – Il padre.
Der Samstag. – Il sabato.
Der Sonntag. – La domenica.
Der Wagen. – L’automobile.

Sono di norma femminili i sostantivi di persone o animali di sesso femminile, gli alberi e i fiori, quasi tutti i fiumi, le nazioni terminanti in a, e, ie, ei, sostantivi che finiscono in e (se di due sillabe), ei, ette, ion, in, keit, heit, schaft, tät, ung.
Es.:
Die Föhre. – Il pino.
Die Sonne. – Il sole.
Die Donau. – Il Danubio.
Die Giraffe. – La giraffa.
Die Meinung. – L’opinione.
Die Freiheit. – La libertà.
Die Nation. – La nazione.

Le zone geografiche, i metalli, i nomi collettivi, le parole sostantivate e quelle che terminano per chen, lein, ett, ium, ment, tum, mal sono invece di genere neutro. Fanno eccezione der Irrtum (lo sbaglio) e der Reichtum (la ricchezza).
Es.:
Das Volk. – Il popolo.
Das Eisen. – Il ferro.
Das Parlament. – Il parlamento.
Das Essen. – Il mangiare.
Das Schöne. – Il bello.
Das Eigentum. – La proprietà.

I numeri
Qui di seguito presentiamo i numeri dallo zero al dieci:
zero
null
uno
eins
due
zwei
tre
drei
quattro
vier
cinque
fünf
sei
sechs
sette
sieben
otto
acht
nove
neun
dieci
zehn
I giorni della settimana (Die Wochentage)
Domenica
Sonntag
Lunedì
Montag
Martedì
Dienstag
Mercoledì
Mittwoch
Giovedì
Donnerstag
Venerdì
Freitag
Sabato
Samstag
Le stagioni (Die Jahreszeiten)
Primavera
Frühling
Estate
Sommer
Autunno
Herbst
Inverno
Winter
I mesi dell’anno (Die Monate)
Gennaio
Januar
Febbraio
Februar
Marzo
März
Aprile
April
Maggio
Mai
Giugno
Juni
Luglio
Juli
Agosto
August
Settembre
September
Ottobre
Oktober
Novembre
November
Dicembre
Dezember
Sostantivi, declinazione forte
In tedesco abbiamo una declinazione forte, debole o mista. Queste tre declinazioni dipendono dalle desinenze prese al singolare e al plurale dai sostantivi.
Di regola tutti i sostantivi che nella forma plurale rimangono invariati oppure aggiungono (¨)e, (¨)er, s appartengono alla declinazione forte.
Es.:
Der Maler, die Maler. – Il pittore, i pittori.
Der Tisch, die Tische. – Il tavolo, i tavoli.
Der Mann, die Männer. – L’uomo, gli uomini.
Der Hut, die Hüte. – Il cappello, i cappelli.
Das Sofa, die sofas. – Il divano, i divani.
DECLINAZIONE FORTE MASCHILE
singolare
plurale
NOM.
–, (¨)e, (¨)er, s
GEN.
s, es
–, (¨)e, (¨)er, s
DAT.
–, (¨)e, (¨)er, s + n
ACC.
–, (¨)e, (¨)er, s
DECLINAZIONE FORTE FEMMINILE
singolare
plurale
NOM.
(¨)e
GEN.
(¨)e
DAT.
(¨)e + n
ACC.
(¨)e
DECLINAZIONE FORTE NEUTRA
singolare
plurale
NOM.
–, (¨)e, (¨)er
GEN.
s, es
–, (¨)e, (¨)er
DAT.
–, (¨)e, (¨)er + n
ACC.
–, (¨)e, (¨)er
DECLINAZIONE FORTE MASCHILE
singolare
plurale
NOM.
der Lehrer
die Lehrer
GEN.
des Lehrers
der Lehrer
DAT.
dem Lehrer
den Lehrern
ACC.
den Lehrer
die Lehrer
DECLINAZIONE FORTE FEMMINILE
singolare
plurale
NOM.
die Hand
die Hände
GEN.
der Hand
der Hände
DAT.
der Hand
den Händen
ACC.
die Hand
die Hände
DECLINAZIONE FORTE NEUTRA
singolare
plurale
NOM.
das Zimmer
die Zimmer
GEN.
des Zimmers
der Zimmer
DAT.
dem Zimmer
den Zimmern
ACC.
das Zimmer
die Zimmer
Al nominativo plurale non subiscono variazioni quei sostantivi che finiscono in el, en, er.
Es.:
Der Leiter, die Leiter. – Il direttore, i direttori.

Ovviamente però vi sono eccezioni, costituite dai sostantivi seguenti, che al plurale subiscono il raddolcimento della vocale tematica:

der Nagel
die Nägel
il chiodo
der Garten
die Gärten
il giardino
der Apfel
die Äpfel
la mela
der Hammer
die Hämmer
il martello
der Graben
die Gräben
il fossato
der Mantel
die Mäntel
il cappotto
der Schaden
die Schäden
il danno
der Schwager
die Schwäger
il cognato
der Vogel
die Vögel
l’uccello
der Bruder
die Brüder
il fratello
der Vater
die Väter
il padre
Es.:
Mein Bruder ist jung aber deine Brüder sind noch jünger. – Mio fratello è giovane ma i tuoi fratelli son ancora più giovani.
Dieser Mantel ist schöner als jene Mäntel. – Questo cappotto è più bello di quei cappotti.
Sostantivi, declinazione debole
DECLINAZIONE DEBOLE MASCHILE
singolare
plurale
NOM.
(e)–
n, en
GEN.
(e)n
n, en
DAT.
(e)n
n, en
ACC.
(e)n
n, en
DECLINAZIONE DEBOLE FEMMINILE
singolare
plurale
NOM.
n, en
GEN.
n, en
DAT.
n, en
ACC.
n, en
DECLINAZIONE DEBOLE NEUTRA
singolare
plurale
NOM.
n, en
GEN.
s, es
n, en
DAT.
n, en
ACC.
n, en
DECLINAZIONE DEBOLE MASCHILE
singolare
plurale
NOM.
der Neffe
die Neffen
GEN.
des Neffen
der Neffen
DAT.
dem Neffen
den Neffen
ACC.
den Neffen
die Neffen
DECLINAZIONE DEBOLE FEMMINILE
singolare
plurale
NOM.
die Ware
die Waren
GEN.
der Ware
der Waren
DAT.
der Ware
den Waren
ACC.
die Ware
die Waren
DECLINAZIONE DEBOLE NEUTRA
singolare
plurale
NOM.
das Auge
die Augen
GEN.
des Auges
der Augen
DAT.
dem Auge
den Augen
ACC.
das Auge
die Augen
Es.:
Das Geschenk des Neffen war sehr schön. – Il regalo di suo nipote era molto bello.
Er gab dem Neffen sein Buch. – Diede al nipote il suo libro.
Die Ware ist fertig. – La merce è pronta.
Der Wert der Ware ist sehr hoch. – Il valore della merce è molto alto.
Die Farbe seiner Augen war hell blau. – Il colore dei suoi occhi era azzurro.
Annes Augen sind braun. – Gli occhi di Anne sono marroni.
Appartengono alla categoria dei sostantivi con declinazione debole quelli che hanno il plurale in n o in en. Appartengono a questa declinazione:

– I sostantivi terminanti in e
Der Affe, des Affen, die Affen. – La scimmia, della scimmia, le scimmie.
Es.:
Der Affe heisst Tschita, die Mutter des Affen heisst Inga. – La scimmia si chiama Tschita, la madre della scimmia si chiama Inga.
Der Vater des Kunden ist ein berühmter Schauspieler. – Il padre del cliente è un attore famoso.

– Alcuni sostantivi monosillabici tra cui ricordiamo:
Der Narr, die Narren. – Il pazzo, i pazzi.
Der Herr, die Herren. – Il signore, i signori.
Der Held, die Helden. – L’eroe, gli eroi.
Der Mensch, die Menschen. – L’uomo, gli uomini.
Der Prinz, die Prinzen. – Il principe, i principi.
Der Hirt, die Hirten. – Il pastore, i pastori.
Es.:
Die deutsche Fürsten waren sehr reich. – I principi tedeschi erano molto ricchi.

– I sostantivi che hanno origine straniera e l’accento tonico sulla sillaba finale
Es.:
Das Symbol von Ulm ist der Spatz. – Il simbolo di Ulm è il passero.

I sostantivi femminili facenti parte della declinazione debole sono quelli che terminano in e, ei, el, er, heit, in, keit, schaft e ung. I sostantivi femminili terminanti in in prima di prendere le desinenze del plurale raddoppiano la n. Appartengono alla stessa categoria molti polisillabi e alcuni monosillabi.
Es.:
Die Sage, die Sagen. – La leggenda, le leggende.
Die Freundlin, die Freundlinnen – L’amica, le amiche.
Die Meinung, die Meinungen – L’opinione, le opinioni.
Die Uhr, die Uhren. – L’orologio, gli orologi.
Die Tür, die Türen. – La porta, le porte.
Die Zahl, die Zahlen. – Il numero, i numeri.

Importanti eccezioni a questa regola sono i sostantivi Mutter (madre) e Tochter (figlia) che al plurale raddolciscono solo la vocale.
Es.:
Die Mutter, die Mütter. – La madre, le madri.
Die Tochter, die Töchter. – La figlia, le figlie.

I sostantivi neutri facenti parte della declinazione debole sono quelli che hanno origine straniera che terminano in a, o, um. I sostantivi neutri di questa declinazione al plurale sostituiscono queste desinenze con en.

La tabella seguente mostra alcuni sostantivi neutri facenti parte di questa categoria:

das Bett
die Betten
il letto
das Herz
die Herzen
il cuore
das Insekt
die Insekten
l’insetto
das Juwel
die Juwelen
il gioiello
das Leid
die Leiden
il dolore
Es.:
Ein Auge tut mir weh. – Mi fa male un occhio.
Deine Augen sind sehr schön. – I tuoi occhi sono bellissimi.
Meine Ohren sind sehr empfindlich. – Le mie orecchie sono molto sensibili.
Das Bett ist billig aber die Betten sind teuer. – Questo letto è economico ma quei letti sono cari.
Mein Juwel ist antik, sind deine Juwelen auch antik? – Il mio gioiello è antico, anche i tuoi gioielli sono antichi?
Mein Leid kann mit deinen Leiden nicht vergliechen werden. – Il mio dolore non può essere paragonato ai tuoi dolori.
Dein Herz ist empfindlicher als andere Herzen. – Il tuo cuore è più sensibile di altri cuori.
Meine Interessen sind viel mehr als deine. – I miei interessi sono molto di più dei tuoi.
Mein Hemd ist moderner als eure Hemden. – La mia camicia è più alla moda delle vostre.
Sostantivi, declinazione mista
DECLINAZIONE MISTA
singolare
plurale
NOM.
n, en
GEN.
s, es
n, en
DAT.
n, en
ACC.
n, en
DECLINAZIONE MISTA
singolare
plurale
NOM.
der Vetter
die Vettern
GEN.
des Vetters
der Vettern
DAT.
dem Vetter
den Vettern
ACC.
den Vetter
die Vettern
Fanno parte della declinazione mista:

– I sostantivi che hanno origine straniera che terminano in or senza l’accento tonico e alcuni sostantivi tra cui ricordiamo i più comuni:
Der Muskel. – Il muscolo.
Der See. – Il lago.
Der Staat. – Lo stato.
Der Vetter. – Il cugino.
Der Zins – L’interesse.

Es.:
Ich fahre an den See. – Vado al lago.
Das ist das Bild des Vetters. – E’ la foto del cugino.

Sostantivi con declinazione particolare
Tra i sostantivi con declinazione particolare troviamo i nomi e i cognomi, i nomi geografici, espressioni di quantità, nomi di monete e sostantivi stranieri.

Per quanto riguarda i nomi e i cognomi:

– al genitivo singolare e per tutti i casi del plurale prendono la s finale sia i nomi maschili che femminili.
Es.:
Die Eltern Carstens. – I genitori di Carsten.
Die Grübers. – I Grüber (La famiglia Grüber).

– Nel caso genitivo di un nome più un cognome è solo quest’ultimo ad avere la s.
Es.:
Uwe Müllers Zeitung. – Il giornale di Uwe Müller.

– Il nome di persona al genitivo non si declina se è già preceduto da un aggettivo o da un titolo al genitivo.
Es.:
Die Frau des Schriftstellers Weigel. – La moglie dello scrittore Weigel.

– Se il nome è preceduto da un titolo senza articolo invece è quest’ultimo a rimanere invariato mentre il nome prende la s. Herr invece viene sempre declinato.
Es.:
Kaiser Wilhelms Reich. – Il regno dell’imperatore Guglielmo.
Herrn Homolkas Auto. – L’auto del signor Homolka.

– Quando invece il nome finisce per s, ß, tz, x, z si deve sostituire il genitivo con von. Notare che nella lingua parlata si usa tale costruzione per tutti i nomi.
Es.:
Der Brief von Thomas. – La lettera di Thomas.

Per quanto concerne i nomi geografici:
– I nomi geografici retti dall’articolo vengono declinati come dei normali sostantivi.
– Il genitivo dei nomi di città si può formare anche con er.
– I nomi geografici senza articolo sono declinati solo al genitivo con l’aggiunta di s.
Es.:
Italiens Hauptstadt. – La capitale dell’Italia.
Die Straßen Mailands. – Le strade di Milano.

Per le espressioni di quantità:
– Non sono seguite da alcuna preposizione.
– Se sono maschili o neutre al plurale non si declinano, se sono femminili si declinano.
Es.:
Ein Liter Milch. – Un litro di latte.
Zwei Flaschen Sekt. – Due bottiglie di spumante.

Per quanto riguarda i sostantivi stranieri:
– La maggior parte si declinano regolarmente al plurale che viene formato con le desinenze e, s, n, en.
Es.:
Das Radio, die Radios. – La radio, le radio.
Das Stadio, die Stadien. – Lo stadio, gli stadi.

Sostantivi senza plurale
In tedesco sono sempre singolari i sostantivi che si riferiscono a cose formate da parti uguali e sostantivi che indicano un insieme di oggetti oppure eventi considerati nella loro totalità.
Es.:
Die Brille. – Gli occhiali.
Die Hose. – I pantaloni.
Die Schere. – Le forbici.
Das Geschirr. – Le stoviglie.
Der Urlaub. – Le ferie.
Die Umgebung. – I dintorni.
Es.:
Das Geschirr ist sehr teuer. – Le stoviglie sono molto costose.
Die Schere habe ich gestern gekauft. – Le forbici le ho comprate ieri.
Ich fahre morgen endlich in Urlaub. – Domani vado finalmente in vacanza.
Deine Brille ist sehr modern. – I tuoi occhiali sono all’ultima moda.

Il sostantivo die Leute (la gente) non ha singolare.
Die Leute die rauchen werden immer mehr. – La gente che fuma aumenta sempre.
Viele Leute sind zu unserer Party gekommen. – Molta gente è venuta alla nostra festa.

Sostantivi con doppia forma di singolare e plurale
der Band, die Bände
il volume, i volumi
das Band, die Bänder
il nastro, i nastri
der Gehalt, die Gehalte
il contenuto, i contenuti
das Gehalt, die Gehälter
lo stipendio, gli stipendi
der Schild, die Schilde
lo scudo, gli scudi
das Schild, die Schilder
l’insegna, le insegne
das Steuer, die Steuer
il timone, i timoni
die Steuer, die Steuern
la tassa, le tasse
der Tor, die Toren
il folle, i folli
das Tor, die Tore
il portone, i portoni
der See, die Seen
il lago, i laghi
die See, —
il mare, —
der Erbe, die Erben
L’erede, gli eredi
das Erbe, —
l’eredità, —
der Verdienst, die Verdienste
il guadagno, i guadagni
das Verdienst, die Verdienste
il merito, i meriti
Es.:
Die Erben wollen das Erbe nicht unter sich teilen. – Gli eredi non vogliono dividersi l’eredità.
Er ist der einzige Erbe der Familie. – E’ l’unico erede di famiglia.
Dieser Leiter ist zu alt. – Questa scala è troppo vecchia.
In Las Vegas sind zu viele Schilder. – A Las Vegas ci sono troppe insegne.
In der Schweiz sind viele Seen. – In Svizzera ci sono molti laghi.
Die Nordsee ist sehr kalt. – Il Mare del Nord è molto freddo.
Die Tore sollen zugeschlossen werden. – I portoni devono essere chiusi.
Du solltest deine Verdienste investieren. – Dovresti investire i tuoi guadagni.
Die Steuern werden immer höher. – Le tasse diventano sempre più alte.
Die Gehälter in Italien sind am niedrigsten in Europa. – Gli stipendi italiani sono i più bassi d’Europa.
Der Gehalt dieses Romans ist sehr interessant. – Il contenuto di questo romanzo è molto interessante.
Das Buch wird in zwei Bände verkauft. – Il libro viene venduto in due volumi.
Sostantivi con doppio plurale
die Bank – la banca, la panca
die Banken – le banche
die Bänke – le panche
der Bau – la costruzione, la tana
die Bauten – le costruzioni
die Baue – le tane
der Block – il ceppo, il blocco
die Blöcke – i ceppi
die Blocks – i blocchi
der Dorn – la spina, il punzone
die Dornen – le spine
die Dorne – i punzoni
der Strauß – il mazzo, lo struzzo
die Sträuße – i mazzi
die Strauße – gli struzzi
das Wort – la parola, il vocabolo
die Worte – le parole
die Wörter – i vocaboli
Es.:
Zu meinem Geburtstag habe ich zwei Blumensträuße bekommen. – Per il mio compleanno ho ricevuto due mazzi di fiori.
In Afrika sind viele Strauße. – In Africa ci sono molti struzzi.
In diesem Park sind viele Bänke. – In questo parco ci son molte panchine.
In Zürich sind viele Banken. – A Zurigo ci sono tante banche.