Pronuncia

 
ALFABETO, CENNI DI PRONUNCIA E ORTOGRAFIA
Il tedesco ha 26 lettere; alle 21 del nostro alfabeto italiano si aggiungono la j, la k, la w, la x e la y. Il simbolo ß si usa al posto della doppia s (ss) quando quest’ultima si trova alla fine delle parole, è seguita da consonante o è preceduta da vocale lunga.
Le vocali si definiscono brevi se seguite da due o più consonanti. Quando sono seguite da una sola consonante oppure da h sono lunghe.
Le vocali a, o, u possono essere pronunciate più dolcemente tramite l’Umlaut (¨) o dieresi e diventano ä, ö, ü.
L’Umlaut (¨) o dieresi permette la pronuncia addolcita delle vocali a, o, u. Queste vocali diventano ä, ö, ü.Es.:
Tschüs! – Ciao!
Plötzlich. – Improvvisamente.
Das Glück. – La fortuna.
Die Hütte. – La capanna.

In tedesco abbiamo cinque dittonghi: ai, au, äu, ei, eu. La prima delle due vocali deve essere pronunciata in tono leggermente più forte.

Es.:
Deutschland. – Germania.
Drei. – Tre.
enttäuscht. – Deluso.
Neidisch. – Invidioso.
Laut. – Ad alta voce/ad alto volume.

In generale in tedesco l’accento è sulla prima delle sillabe ma può cadere sulla seconda o sulla terza sillaba quando la parola ha un prefisso inseparabile. Nelle parole che terminano in ei oppure con il suffisso ieren l’accento si posiziona sull’ultima sillaba.

Es.:
Studieren. – Essere iscritto all’università.
Korrigieren. – Correggere.

Attenzione! In tedesco si usa la lettera maiuscola iniziale per scrivere tutti i sostantivi, i pronomi personali di seconda e terza persona e gli aggettivi quando seguono espressioni di quantità.

Es.:
Das Pferd. – Il cavallo.
Ich habe etwas Neues gesehen. – Ho visto qualcosa di nuovo.
Ich bewerbe mich bei Ihnen. – Faccio domanda presso di Lei.
Ich danke Ihnen. – La ringrazio.

In tedesco sono molto frequenti le parole composte (quindi formate da due o più parole). Le parole composte vengono considerate come una parola singola.

Es.:
Die Umwelverschmutzung. – L’inquinamento ambientale.
Bildschön. – Bello (come un quadro).